Consigli dalla Naturopatia a cura di Giovanna Nobile

 

Sin dai tempi antichi, presso le popolazioni di molti paesi che si affacciano sul mare, le alghe hanno fatto parte dell'alimentazione quotidiana, essendo considerate verdure alla pari delle verdure di terra. Queste piante marine sono una delle più antiche forme di vita sulla terra e non sono quasi più cambiate attraverso il lungo corso dell'evoluzione: tutte contengono clorofilla, che fotosintetizzano a seconda della quantità di luce solare che riescono a ricevere. Si sviluppano più facilmente in mari freddi e comunque prevalentemente nella stagione invernale. Va sfatato il pregiudizio che vuole le alghe come alimento esotico, tipicamente orientale; in realtà le alghe vengono comunemente e da sempre usate nei paesi nordici fra cui la Norvegia, la Scozia e il Galles. Esistono molti tipi di alghe, suddivise in oltre 25.000 specie. Microscopiche, giganti, di dimensioni medie e di vari colori (verde, rosso, giallo, azzurro, blu, bruno) a seconda del loro habitat.

RICCHE DI NUTRIENTI: con le differenze da un tipo all'altro, possiamo dire in generale che le alghe sono una notevole fonte di sali minerali: calcio, ferro, iodio, potassio, magnesio, sodio, fosforo, zinco e rame. Contengono inoltre più proteine rispetto alle verdure di terra, pochissimi grassi, vitamine del gruppo B (B1, B2) nonché la rarissima B12 pressoché assente nei vegetali di terra, vitamina C e K.

DISINTOSSICANTI . Altra componente interessante è costituita dall'algina presente in particolar modo nelle alghe brune. L'acido alginico e i suoi sali sono noti per l'elevata capacità di scambio e le proprietà chelanti capaci di eliminare dall'organismo i metalli pesanti oltre che numerose altre sostanze tossiche.

MOLTI TIPI DI ALGHE. Ci sono molti tipi di alghe con caratteristiche diverse sia per quanto riguarda il gusto, sia per il loro utilizzo in cucina e in parte anche per il loro valore nutritivo. Le principali sono: Kombu, Wakame, Hijiki, Arame, Nori, Dulse, Spaghetti di mare, Agar Agar. Non vanno dimenticate altre importanti alghe di acqua dolce come l'alga Spirulina e in particolare l'alga Klamath, utilissima in caso di carenze nutrizionali, allergie e intolleranze.

In genere le alghe rappresentano un'integrazione importante nell'alimentazione. Sono utili nell'ipercolesteremia, nella stipsi, nell'obesità, nei disturbi dell'apparato osteoarticolare. Unica controindicazione l' ipertiroidismo, per il contenuto di iodio presente nelle alghe che può stimolare la tiroide.

Oggi parliamo di AGAR AGAR.

Anche chiamato "Kanten" dai giapponesi, è una polvere derivante da un'alga rossa ricca di alginati e minerali. Viene usata prevalentemente come addensante per gelati, gelatine, budini. Ha un lieve effetto lassativo ed è molto rinfrescante per l'intestino. E' priva di calorie e per sciogliersi bene deve essere portata ad ebollizione con l'acqua per 5 minuti (circa un cucchiaino e mezzo di polvere ogni due tazze di acqua). Si può unire il liquido ottenuto con gli altri ingredienti desiderati.

UNA RICETTA NATURALE e rinfrescante utile per l'intestino.

GELATINA DI MANDARINI: un kg di mandarini spremuti, mezzo litro di succo di mela, la scorza di un mandarino grattugiata, un pizzico di sale, una tazza di fiocchi di Agar Agar. Fate cuocere il succo di mela allungato con un po' di acqua, con l'agar agar e il sale per 10 minuti a fuoco basso. Spegnete il fuoco, aggiungete il succo dei mandarini e la scorza del mandarino grattugiata, mescolando bene. Versate la gelatina in uno stampo bagnato con acqua fredda e lasciate raffreddare in frigo per almeno 2 ore. Sformate e servite a fette.

Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ultriori informazioni